Seleziona Pagina

Come costruire un sito per organizzazioni non profit

Come costruire un sito per organizzazioni non profit

Nell’era della digitalizzazione anche per le organizzazioni Non Profit avere un sito internet è diventato indispensabile


Per le associazioni avere un sito web significa essere reperibili online, farsi conoscere, raccontarsi ma soprattutto fare fundraising online.

Oggi le tecnologie presenti sul web permettono di realizzare un sito senza dover investire troppo denaro. Infatti, se le risorse di cui disponi sono limitate, esistono diverse piattaforme di CMS (content management system) come WordPress che permettono la realizzazione e la gestione del proprio sito internet senza dover avere necessariamente competenze in Web Design.

Quindi niente paura. Se sei arrivato fin qui per comprendere come costruire un sito internet per la tua Non Profit senza spendere troppo, di seguito troverai tutto ciò che non deve mancare per renderlo funzionale.

Pensa al tuo pubblico

COME-COSTRUIRE-UN-SITO-PER-ORGANIZZAZIONI-NON-PROFIT

Qualsiasi contenuto metterai online deve soddisfare le esigenze del tuo pubblico. E’ importante ancor prima di iniziare a costruire il sito internet per la tua Non Profit individuare quale sia il target di riferimento della tua organizzazione. Bisogna ricordarsi infatti che chi visiterà il tuo sito è essenzialmente un potenziale donatore da non lasciarsi scappare.

Less is more

COME-COSTRUIRE-UN-SITO-PER-ORGANIZZAZIONI-NON-PROFIT

Non c’è bisogno di impelagarsi nelle miriadi possibilità che il web design offre oggigiorno. 
Il design di una pagina web è questione di gusti ed è certamente importante rendere il sito della propria non profit accattivante.
Bisogna però anche tener conto una regola in particolare: less is more

Il sito, a prescindere dal design, deve essere in primis fruibile, funzionale e diretto.
I visitatori delle pagine web sono molto esigenti dal punto di vista del tempo. Hai pochi secondi per attirare la loro attenzione: non lasciare che si perdano in un labirinto di pagine troppo pesanti.

Il sito della tua Non Profit dovrà essere snello, semplice ed incentrato su pochi ma fondamentali contenuti che comunichino al meglio la tua organizzazione con lo scopo di attirare il pubblico e fidelizzarlo.

Per ultimo, ma non meno importante, il sito della tua associazione dovrà essere mobile friendly. Sapevi che più del 50% del traffico online proviene oggi da smartphone e tablet?

A tale scopo non preoccuparti, attraverso l’utilizzo di un CMS come WordPress la versione mobile verrà creata in automatico così che non dovrai ingaggiare un programmatore.

Crea il tuo sito in WordPress con Fundraising Digitale

La struttura

COME-COSTRUIRE-UN-SITO-PER-ORGANIZZAZIONI-NON-PROFIT

Mission, risultati e call to action. Dovranno essere il cuore della tua pagina web.

Sin dalla homepage, i visitatori del sito della tua Non Profit devono essere messi nella condizione di poter raggiungere in poche mosse il cuore della tua associazione.
E’ importante dunque fare in modo che siano ben visibili i tre pilastri della tua organizzazione:

  • Mission: che cosa fa la tua organizzazione e perché
  • Risultati: quali sono i successi che l’associazione ha raggiunto e in che modo? Non bisogna dimenticare che, come già accennato prima, la comunicazione deve essere al servizio del proprio pubblico. A tale scopo sarà importante sottolineare come i successi dell’associazione siano stati raggiunti soprattutto grazie all’attività dei donatori e dei volontari. In tale sezione del sito sarà importante non lasciarsi trasportare dalla vanità ma mantenere un tipo di comunicazione al servizio di chi ci vuole conoscere
  • Call to action: una volta raccontato cosa fa la tua organizzazione è importante coinvolgere i visitatori. Cosa può fare il pubblico per aiutare l’organizzazione a crescere? Le call to action serviranno a invogliare gli utenti a compiere un’azione importante per la conversione in donor personas. Ad esempio l’iscrizione alla newsletter, o l’invito a diventare donatori o volontari. 

Content e Storytelling

COME-COSTRUIRE-UN-SITO-PER-ORGANIZZAZIONI-NON-PROFIT

Una volta definiti il target di pubblico della tua non profit, il design e la struttura del sito è il momento di  chiedersi come fare arrivare traffico in target sulle proprie pagine web.

Ci sono un sacco di strade che portano i visitatori al tuo sito. Una di queste sono i motori di ricerca.

Google premia i siti in continuo aggiornamento. Questo non significa che dovrai apportare modifiche continue ad ogni singola pagina del tuo sito. Basterà creare una sezione di blogging dove potrai far conoscere la tua organizzazione attraverso le sue storie, quelle dei volontari e dei donatori.

Content is the king: tutto ciò che inserirai sul tuo sito web dovrà avere come obiettivo quello di comunicare la storia e gli obiettivi della tua associazione in maniera efficace e di coinvolgere gli utenti.

Non ci sono regole prestabilite sulla lunghezza degli articoli

Il consiglio è di stare entro le 3 mila battute, ma non è necessario seguire alla lettera questa regola: l’importante è l’equilibrio. Alcuni utenti, infatti, cercheranno notizie brevi, mentre altri prediligeranno contenuti più lunghi e dettagliati. In altri termini, analizza e studia bene il tuo pubblico di riferimento e adatta a tua volta i contenuti. 

Per farlo valuta di volta in volta il successo dei tuoi post e allineati di conseguenza. 

Ricordati inoltre di rendere la lettura del tuo blog piacevole e leggera attraverso l’utilizzo di immagini che serviranno a guidare l’utente lungo tutto il post e a raccontare al meglio le tue storie.

Social Network

COME-COSTRUIRE-UN-SITO-PER-ORGANIZZAZIONI-NON-PROFIT

Hai studiato il pubblico, lo hai attirato sul sito e lo hai colpito con le storie della tua organizzazione. Adesso è il momento di fidelizzarlo. Cosa c’è di meglio di un like alla pagina ufficiale di Facebook per farti seguire con costanza? 

Badge e icone dell’organizzazione devono essere ben visibili sul sito e sarebbe opportuno incorporarle in tutte le pagine. 

Rendi la navigazione il più interattiva possibile e cerca di trasformare un visitatore occasionale in un follower affezionato.

Per ultimo non dimenticarti di pubblicare tu per primo i post del tuo blog su tutti i canali social in modo da incrementare il traffico sul sito dell’organizzazione e farti conoscere al meglio.

Se hai bisogno di aiuto per la creazione e l’ottimizzazione del tuo sito, richiedi ora un’analisi gratuita compilando il modulo qui sotto e valuteremo insieme di quali interventi potresti aver bisogno.

Circa l'autore

Simona

Laureata in Scienze Politiche, nell'inverno 2017 ha scoperto la sua passione per il Digital Marketing lavorando presso una Non Profit islandese dedita alla salvaguardia ambientale. Da allora ha fatto della trasformazione digitale del mondo Non Profit la propria missione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Storie di Non Profit: la rubrica che dà voce alla tua Non Profit

ATTRAI NUOVI DONATORI

GOOGLE PER IL NON PROFIT

Non perderti le novità, i nostri consigli e gli eventi gratuiti in Italia. Iscriviti ora

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This