Avete mai sentito parlare della Banda dei Rulli Frulli?

Se sì, allora sapete già perché abbiamo deciso di raccontarvi la loro storia.

Se invece il loro nome non vi dice nulla, fermatevi un attimo e mentre noi raccontiamo, ascoltate il ritmo delle emozioni che susciteranno in voi questi eccentrici musicisti.

I Rulli Frulli nascono nel 2010 grazie alla tenacia di Federico Alberghini, insegnante di batteria che con il sostegno della Fondazione Carlo Guglielmo Andreoli di Finale Emilia riesce a realizzare il suo progetto: creare una banda composta da ragazzi diversi tra loro per età e abilità.

E, badate bene, non una banda tradizionale con gli abituali strumenti a cui tutti noi siamo abituati. Anche gli strumenti sono particolari perché autoprodotti, costruiti con materiali di recupero e assolutamente originali.

I Rulli Frulli nascono così e per due anni hanno la loro scuola di musica in cui studiare, provare e divertirsi tutti insieme. Poi arriva il terribile sisma nelle Terre Emiliane e la loro sede rimane gravemente danneggiata, tanto da essere dichiarata inagibile. Ed ecco il potere della musica, la magia di un gruppo che vuole essere un inno alla vita: si va avanti lo stesso, sotto un tendone a suonare più forte del terremoto.

Poi arriva un aiuto importante da Mani Tese che offre loro un locale in cui allestire anche il laboratorio in cui i musicisti pensano e realizzano i loro strumenti.

E’ così che dal recupero di alcune grondaie si materializzano le chitarre, con le mattonelle si creano gli xilofoni, i cestelli delle lavatrici prendono nuova vita sotto forma di tamburi, le pentole come percussioni e poi arrivano loro, i tubofoni: tubi idraulici che si suonano con le racchette da ping pong.

Strumento dopo strumento, oggi sono più di settanta e hanno dovuto attrezzarsi con una lista d’attesa tante sono le persone che desidererebbero unirsi a loro. Organizzano concerti, si spostano su e giù per l’Italia, si muovono almeno in cento, perché i genitori collaborano, partecipano ai tour, aiutano con gli strumenti, sostengono i loro ragazzi.

Questi sono i Rulli Frulli: la gioia della musica, il bello della vita!