Il mercato del donation crowdfunding italiano è cresciuto negli ultimi anni. Infatti, i dati mostrano un trend di sviluppo positivo per le donazioni realizzate attraverso le piattaforme di finanziamento dal basso operanti in Italia.

Le ricerche attualmente disponibili partano dai valori del mercato nel 2015 e considerano non solo la raccolta donation-based, ma anche quella reward – ossia di quel modello di fundraising in cui, solitamente, vi è una prevendita di un prodotto o di un servizio.

Nel 2015 il denaro complessivamente raccolto, tramite le suddette tipologie di finanziamento collettivo, era pari a 4,9 milioni di Euro (escludendo le somme transate su Terzo Valore, che gestiva anche prestiti peer-to-peer). Questi due comparti costituivano all’incirca l’8% del mercato totale, che – allora – valeva 56,8 milioni di Euro.

Nel 2016 la raccolta totale tramite donation e reward crowdfunding superò i 20 milioni di Euro, arrivando – addirittura – a toccare una soglia di 24,7 milioni di Euro, considerando l’intero periodo di attività di ogni piattaforma. I best performer, riferendosi esclusivamente a quei portali che – in via esclusiva e non – consentivano la realizzazione di donazioni online, furono:  Rete del Dono con oltre € 3,6 milioni e Produzioni dal Basso con circa € 3,5 milioni – anche in questo caso i valori espressi si riferivano agli importi transati sin dal lancio dei relativi portali. In tal senso, secondo recenti studi del Cambridge Centre for Alternative Finance della University of Cambirdge, nel 2016, dovrebbe essere stato effettivamente raggiunto un importo di circa 400 mila Euro attraverso il solo donation crowdfunding.

Infine, nel 2017, i portali donation e reward operanti in Italia hanno consentito una raccolta di ben 9,5 milioni di Euro, attraverso 8.500 campagne circa. La crescita rispetto al 2016 è stata piuttosto significativa: +38,8%. Anche nel 2017 le piattaforme con le migliori performance sono state Produzioni dal Basso e Rete del Dono, con una raccolta – rispettivamente – di quasi 2 milioni di Euro (+55,7% in confronto al 2016) e di 1,3 milioni di Euro (+36%).

I segnali sembrerebbero positivi anche per il 2018 e, dunque, potrebbe essere possibile un ulteriore crescita del settore delle donazioni online tramite crowdfunding. Un mercato che, lo ricordiamo, si riferisce a quelle elargizioni in cui si devolve altruisticamente il proprio denaro a sostegno di una causa specifica, non ricevendo – in cambio – alcuna ricompensa o, al massimo, accettando un ‘ritorno’ puramente simbolico e immateriale.